Accedi al sito
Serve aiuto?

News » Ospite

« Indietro

Etichette di pericolo ADR
Autore: MINISTERO DEI TRASPORTI
Data: 27-04-2016

Tabella Comparativa Etichette di Pericolo ADR

Consulta e Stampa le etichette di pericolo da apporre durante il trasporto di merci pericolose

Le etichette di pericolo sono poste sul retro e sulle fiancate dei mezzi che trasportano merci pericolose (e sui colli). Sono un valido aiuto in caso di incidente, per determinare il tipo di intervento in base al tipo di classe delle merci pericolose ADR.

Etichette di Pericolo » Tabella Riassuntiva con Significato della Simbologia
 
CLASSE 1: Materie ed Oggetti Esplosivi
 
 1-1 » SOGGETTO ALL’ESPLOSIONE DIVISIONE 1.1.  1-2 » SOGGETTO ALL’ESPLOSIONE DIVISIONE 1.2.
 1-3 » SOGGETTO ALL’ESPLOSIONE DIVISIONE 1.3.  1-4 » SOGGETTO ALL’ESPLOSIONE DIVISIONE 1.4.
 1-5 » SOGGETTO ALL’ESPLOSIONE DIVISIONE 1.5.  1-6 » SOGGETTO ALL’ESPLOSIONE DIVISIONE 1.6.
▶ TORNA SU
CLASSE 2: Gas
GAS INFIAMMABILE » GAS INFIAMMABILE GAS INFIAMMABILE » GAS INFIAMMABILE
(La fiamma può essere di colore bianco)
GAS NON INFIAMMABILE E NON TOSSICO » GAS NON INFIAMMABILE
E NON TOSSICO
 GAS  
GAS NON INFIAMMABILE E NON TOSSICO » GAS NON INFIAMMABILE E NON TOSSICO (La bombola può essere di colore bianco) GAS TOSSICO » GAS TOSSICO

 
CLASSE 3: Materie Liquide Infiammabili
 
MATERIE LIQUIDE INFIAMMABILI » MATERIE LIQUIDE INFIAMMABILI  FOTO-classe-3  iscriz_etich_03
MATERIE LIQUIDE INFIAMMABILI » MATERIE LIQUIDE INFIAMMABILI (Fiamma di colore bianco)    
 
CLASSE 4.1: Materie solide infiammabili, Materie auto-reattive ed Esplosivi solidi desensibilizzati
PERICOLO DI INCENDIO, MATERIA SOLIDA INFIAMMABILE » PERICOLO DI INCENDIO, MATERIA SOLIDA INFIAMMABILE  1325

CLASSE 4.2: Materie soggette ad accensione spontanea
 
PERICOLO DI INFIAMMABILITÀ SPONTANEA » PERICOLO DI INFIAMMABILITÀ SPONTANEA  FOTO-classe-4

CLASSE 4.3: Materie che, a contatto con acqua, sviluppano gas infiammabili
 
  » PERICOLO DI EMANAZIONE DI GAS INFIAMMABILI A CONTATTO CON L’ACQUA   » PERICOLO DI EMANAZIONE DI GAS INFIAMMABILI A CONTATTO CON L’ACQUA (La fiamma può essere di colore bianco)
 
CLASSE 5.1: Materie Comburenti + CLASSE 5.2: Perossidi Organici
 
PERICOLO DI ATTIVAZIONE DI UN INCENDIO » PERICOLO DI ATTIVAZIONE DI UN INCENDIO  esempio-5.2
 PEROSSIDO ORGANICO » PEROSSIDO ORGANICO    
 
CLASSE 6.1: Materie Tossiche + CLASSE 6.2: Materie Infettanti
 
 MATERIE TOSSICHE » MATERIE TOSSICHE  MATERIE INFETTANTI » MATERIE INFETTANTI

CLASSE 7: Radioattivi
 
 7_D » RADIOATTIVI ALTRE ETICHETTE:
I - II - III - Fissile
 radioattivi

CLASSE 8: Materie Corrosive
 
  MATERIE CORROSIVE » MATERIE CORROSIVE  FOTO-classe-8
 
CLASSE 9: Materie e Oggetti pericolosi diversi
 
 MATERIE E OGGETTI DIVERSI » MATERIE E OGGETTI DIVERSI CHE PRESENTANO PERICOLI DIFFERENTI DA QUELLI CHE SONO CONTEMPLATI DALLE ALTRE ETICHETTE  FOTO-classe-9


PERICOLOSO PER L’AMBIENTE
 
  » INQUINANTE MARINO    

RIFIUTI + MATERIA TRASPORTATA A CALDO
 
  RIFIUTI ADR » RIFIUTI ADR  10 » MATERIA TRASPORTATA A CALDO


Etichetta N° 11 Frecce di Orientamento + Etichette per le Merci in Quantità Limitata
 
 FRECCE DI ORIENTAMENTO » FRECCE DI ORIENTAMENTO  Marchio-Quantita-limitate  » MARCHIO QUANTITA’ LIMITATE
 

IL NUMERO DI IDENTIFICAZIONE DEL PERICOLO (KEMLER)/NUMERO ONU
 
 cod_KEM1 » IL NUMERO DI IDENTIFICAZIONE DEL PERICOLO (KEMLER)/NUMERO ONU E’ POSTO SUL RETRO E SULLE FIANCATE DEI MEZZI CHE TRASPORTANO MERCI PERICOLOSE; SERVE PER IDENTIFICARE IL TIPO DI PERICOLO E IL TIPO DI MATERIA TRASPORTATA; IN CASO DI INCIDENTE, COMUNICANDO AI VIGILI DEL FUOCO I NUMERI RIPORTATI SUL PANNELLO, SI FORNISCE UN VALIDO AIUTO PER STABILIRE LE METODOLGIE DEGLI INTERVENTI DI SOCCORSO.
 cod_KEM2 » IL NUMERO POSTO SULLA PARTE SUPERIORE (KEMLER):
È COMPOSTO DA DUE O TRE CIFRE.
 cod_KEM3 » LA PRIMA CIFRA INDICA:
2- GAS;
3- LIQUIDO INFIAMMABILE;
4- SOLIDO INFIAMMABILE;
5- MATERIA COMBURENTE O PEROSSIDO ORGANICO
6- MATERIA TOSSICA;
7- MATERIA RADIOATTIVA;
8- MATERIA CORROSIVA;
9- MATERIA PERICOLOSA DIVERSA.
 cod_KEM4 » LA 2a E 3a CIFRA INDICANO::
0- LA MATERIA NON HA PERICOLO SECONDARIO ( RESTA VALIDA L’INDICAZIONE DEL PERICOLO PRINCIPALE ESPRESSO DALLA PRIMA CIFRA);
1- ESPLOSIONE;
2- EMISSIONE DI GAS DOVUTA A PRESSIONE O REAZIONE CHIMICA;
3- INFIAMMABILITA’;
5- PROPRIETA’ COMBURENTI;
6- TOSSICITA’;
8- CORROSIVITA’;
9- PERICOLO DI ESPLOSIONE VIOLENTA DOVUTA A DECOMPOSIZIONE SPONTANEAO DA POLIMERIZZAZIONE.
 cod_KEM5 » IL NUMERO DI IDENTIFICAZIONE DEL PERICOLO PRECEDUTO DALLA LETTERA “X” INDICA CHE LA MATERIA REAGISCE PERICOLOSAMENTE CON L’ACQUA.
 cod_KEM6 » IL NUMERO NELLA PARTE INFERIORE (ONU)E’ COMPOSTO DA QUATTRO CIFRE ED IDENTIFICA LA MATERIA TRASPORTATA IN BASE ALLA DENOMINAZIONE CHIMICA E ALLA SUA CLASSIFICAZIONE.

Info Contatti

Ing. Natale Rapisarda
Via Leopoldo Franchetti n. 11/13
95045 - Miasterbianco
Catania - Italia
C.F. / P.Iva: 03964620870 - Consulenza e formazione ADR
Tel: 095312627
Fax: 0952931506
natale.rapisarda@libero.it

Social Share

Newsletter